Sigaretta Elettronica Blog

eVic VS Provari [aggiornatox2]

Cry
6 dic 2012

Vediamo un confronto tra l’eVic e il Provari, andandolo a confrontare non solo nelle dimensioni, ma anche nelle prestazioni.


Mettendo alla prova i due circuiti con un atom da 1,5 ohm (o meglio per l’esattezza 1,4 ohm) i valori sotto carico sono molto interessanti partiamo dal provari che come vedremo nel video riesce a spingere un atom da 1,4 ohm a 14Watt (scusate ne video ho messo una sola t :D ) e 4,7 volt.

Mentre l’eVic si blocca con atom a 1,4 ohm si blocca a 3,5v e eroga solo 8,5watt.

Che dire, a parte aggiornamenti del software, i quali per l’eVic potranno essere fatti mediante l’apposito software direttamente dall’utente, per ora con la versione 1.0 il Provari batte alla grande l’eVic, il quale si rende quasi ridicolo in un confronto, 15Watt li ha solo sulla carta e con dei limiti inconcepibili per cercare di arrancare tra i vari BB in commercio, certo può vantare un menu di tutto rispetto con infinite opzioni (domani un video solo dedicato al menu) ma se non aggiornano il software rimane solo un BB neanche tanto bello esteticamente che oltre tutto è limitato all’inverosimile, tanto che un Lavatube V2 renderebbe meglio dell’eVic.

Aggiornamento 

con batteria AW 100% di carica l’eVic rende leggermente meglio ovvero 9/10watt e 3,9/4volt sempre con stesso atom da 1,4/1,5ohm .

Il che potrebbe essere una buona notizia (insomma non molto) ma se valutiamo bene il risultato, significa che non ha nemmeno la costanza questo circuito, e quindi un altro punto a sfavore dell’eVic.

A testimonianza sto caricando un altro video e tra poco verrà postato in questo stesso articolo.

Vi lascio al video, buona visione:

Aggiornamento x2

batterie cariche al 100%

 

Articoli molto simili

13 Commenti

  1. Max

    Ma dai su, come si può eseguire misure se non si conosce l’ elettronica ?
    State misurando una tensione pulsante con un Voltmetro in corrente continua, è come impostare un tester in tensione continua per misurare la 220v delle prese di casa in corrente alternata.
    Dai su, un pò di serietà !

  2. Ciao Max, grazie per il commento.

    Potrai farti un’idea precisa dello strumento utilizzato (ECD Meter) cercando gli articoli ed il video relativi.

    Per quanto riguarda le misurazioni, premesso che stiamo realizzando un video esplicativo, se anche l’ECD Meter sbagliasse di un 1 Volt o di 1 Watt non credi che ci troveremo comunque di fronte a misurazioni indicative rispetto ai 15 Watt dichiarati?

    Inoltre, già il fatto che la resa cali durante la scarica della batteria, è di fatto un dato sensibile di cui tener conto…

  3. Max

    Ho visto che è un ECD ma l’ ECD campiona un’ onda prefissata, l’ EVIC varia l’onda di emissione in base a parametri controllati da microprocessore, per esempio in un secondo invierà 12 on/off ma nel secondo successivo magari solo 4 e l’ altro deciderà di sparare 2 treni on/off da 3 impulsi con 4 pause e l’ ECD non può campionarle perchè misura sempre un valore prefissato.
    Queste misure sarebbe più corretto effettuarle magari con un alimentatore da banco che analizza come viene usata l’ alimentazione a monte e non a valle dopo un microprocessore che processa un’ onda quadra. I valori si possono discostare di molto, anche di una volta e mezza la misurazione letta.
    Ovviamente parliamo di due sistemi completamente diversi, un Provari che fornisce una tensione continua costante e quindi con componenti più costose mentre l’ EVIC sfrutta le pause di erogazione per risparmiare sulla componentistica ed ottenere quasi la stessa cosa.
    Dalle misure da voi effettuate sembrerebbe che l’ EVIC fornisca metà potenza rispetto al Provari ma alla prova di svapo non ci si accorge neanche della differenza, quindi qualcosa non torna.

  4. Cry

    scusa è 3 anni che svapo atom da 1,5 ohm ti assicuro che non è paragonabile, io non sono un esperto e non contesto l’esattezza delle tue affermazioni, ma la differenza svapando si sente e come, senza contare il calo delle prestazioni in funzione della carica dalla batteria, oggi ho fatto un test con atom a 2,2 ohm e i valori restituiti sembrerebbero abbastanza veritieri, ma non essendone certo non li pubblicherò, quello che è certo, è che da batteria 100% carica a quasi scarica perde 1 volt sicuro,che si traduce in una perdita ancora maggiore di watt, questo è incontestabile e misurabile da chiunque, per di di più se ci pensi il limite a 5V per 15 watt, è un limite gia di suo, basta fare due calcoli, ma se sei disponibile te lo invio e lo provi tu :D
    Io sono molto felice di fartelo fare, viste le tue competenze basta che mi scrivi alla mail esigarettanews@gmail.com
    Grazie delle spiegazioni , aspetto una tua mail :D

  5. Cry

    MAX prova a leggere qui :D http://www.mountainprophet.de/2012/12/07/joyetech-evic-vv-akkutrager-mit-pc-anschlus/

    i miei valori sono pienamente compatibili a batteria carica, e oggi posto delle misurazioni dove si dimostra che con o scaricarsi della batteria, si perde molto in prestazioni, visto che i valori presi con l’ECD meter sono pienamente validi :D

  6. Max

    Il problema delle letture dell’ ECD che registra il calo di prestazioni di 1 V. è solo un problema di campionamento, sicuramente l’ ECD come qualunque altro strumento non professionale ha una tolleranza di misurazione di +/- 0,5v.
    L’ unico “tester” che effettua misurazioni valide è P. Busardo e su youtube si vede come usa un oscilloscopio per le misurazioni.
    Ovviamente l’ Evic è di qualità inferiore rispetto al Provari ma la differenza non è così drastica.
    Le differenze si vedono chiaramente con i dual coil da 1,5 ohm usati sopra i 5 Volt per il resto invece la differenza è di circa 0,2-0,3 V. Questo perchè risparmiando sulla componentistica quando si richiede tanta corrente si vedono i limiti.
    Usare un cisco 308 da 1,4 ohm a 6 Volt rimane comunque una follia e da fastidio anche a me che ne vengo da 60 sigarette di Manila !!!

  7. Cry

    scusami ma a fronte dei nuovi aggiornamenti e delle rilevazioni fatte dagli amici Tedeschi, come fai a dire che non è tanto in inferiore al Provari? a me non cambia nulla, io in questo periodo sto svapando una ego automatica! quindi caprai cosa mi può cambiare a me, ma la differenza è alta e non indifferente!
    ho appena fatto un articolo utilizzando un atom a 2,2 ohm, e da meta carica (dal 50% di carica) in giù lo svapo è pessimo, tanto che si arriva al 15% di carica a 3,8 v con atom a 2,2 ohm, non esiste.
    Comunque sia le tue valutazioni iniziali errano errate, io non ti ho dato contro anzi ero disposto a spedirti l’evic per un test, adesso non capisco cosa ti spinge a continuare a sostenere il circuito di un BB che si è approvato essere nettamente inferiore al Provari sotto tutti gli aspetti.
    Mi ripeto a me che vada bene o meno non interessa se lui erogava 15watt come dichiarato lo avrei detto, non lo fa, lo riporto, fine :D

  8. Max

    Non è polemica, ;-) mastico elettronica da parecchio e posso dire che ormai svapare con queste apparecchiature diventa una corsa all’ elettronica per palati fini. Tutto il mio ragionamento si riassumeva sulle misure corrette o meno e ti assicuro che non è una cosa facile provare con precisione queste diavolerie. Il problema nasce dalla natura differente dei due dispositivi fermo restando che il Provari è il top per il momento.
    Bisogna dotarsi di Oscilloscopio elettronico che costa come 1000 Provari per le misurazioni e per capire cosa fornisce all’ atom ogni dispositivo, questo perchè l’ oscilloscopio analizza l’ “onda di uscita” e si vedono gli impulsi quanti e come sono.
    Il Provari fornisce una tensione continua tipo classica batteria ma già i vari Lavatube e cloni utilizzano una furberia. i 15 watt dichiarati ci sono ma anche no, sembra assurdo ma è così. Tanto per capire e rendere facile a tutti la comprensione, il Provari è un uomo forte che spinge con la forza di 15 Kg, l’ Evic non è così forte e per supplire compensa con la velocità, dà 5 spinte di 3 kg. Se potessi misurare questa spinta, alla fine avresti 15 kg su tutti e due e l’ oggetto da spostare riceve un’ effettiva spinta totale di 15 kg.
    Il problema è se occorrono almeno 5 kg per muovere l’ oggetto con l’ Evic non sarà possibile ed è la misura “sballata” che esce dallo strumento di misura.
    L’ Evic invia dei treni di impulsi variabili e non tensione continua, data la nostra percezione del tempo non ci accorgiamo degli impulsi che scaldano l’ atom fino a che spremiamo il dispositivo. Più la resistenza è minore più si accentuano le differenze dei due oggetti.

    Comunque uno svapatore evoluto deve avere un Provari e probabilmente anche un Evic per l’ uso con atomizzatori meno estremi tipo CE4,5 mentre il Provari trova il suo ambiente ideale con Tank provvisti di Cisco, Vision Eternity ecc. e per il passeggio stradale ottime le sempre verdi batterie Ego…
    ;-)

  9. Infamous

    Scusa cry… Ma da ciò che ho capito dal libretto di istruzioni dell’eVic è possibile anche regolare il wattaggio tipo il zMax di smoktech… Poi mi sbaglio tu c’è l’hai sotto mano io no ancora ma prova a vedere se è possibile ciò… Ciao!!!

  10. Cry

    certamente, oggi nel pomeriggio, ma già anche in altri video, ho mostrato come fare per regolare i watt, basta entrare nel menu e impostare i watt che si desiderano, e lui sul display in funzione dell’atom che hai ti regola i watt, ho letto commenti nel webb (di che non lo possiede) che dice che poi toccanco i volt sballi i watt e non sono più quelli :D ma non sanno più a cosa attaccarsi, mettiamo che lo regoli a 10 watt e il monitor poi ti dice che in questo modo sei a 4,2v e tu lo alzi a 4,5v aumenti anxhe automaticamente i watt….. spero di essermi spiegato, comunque oggi pubblico un video solo sull’utilizzo del menu :D

  11. Infamous

    Bella cry!!!

  12. come si chiama e dove posso trovare lo strumento con cui misuri i vari voltaggi watt ecc ecc grazie di cuore per la risposta meglio sarebbe con un link al sito che gli vende

Lascia la tua opinione

Top