Sigaretta Elettronica Blog

Quando il Provari incontra l’AVS

Esigarettanews
17 giu 2012

In attesa che appaia finalmente realizzato un Adattatore che trasformi l’attacco dell’UFS in un classico 510 che “Peppo99″ sta procedendo ad ultimare (ne parleremo appena ai Vapers arriveranno i primi modelli), in quest’articolo vi mostriamo il risultato del PV risultante tra un Provari Chrome ed un AVS.

In realtà il presupposto di partenza è un vecchio adattatore UFS -> 510 mal realizzato che si avvaleva di due pezzi attaccati tra loro con scarse probabilità di tenuta visto il peso dell’UFS realizzato in acciaio inox.

A questo proposito, un piccolo intervento di Loktite di cui poi l’eccesso è stato carteggiato, ed una goccia di stagno (che per la verità fa solo da contorno alla Loktite stessa) sono risultati utili affinchè l’adattatore fosse lievemente più stabile. In più, considerando il minor peso dell’AVS in alluminio nickelato, il risultato si è dimostrato ancora più stabile.

Image Hosted by ImageShack.us

Image Hosted by ImageShack.us

L’intervento necessario, affinchè l’AVS ed il relativo CR recuperato da un GGTS d’acciaio, è stato il ridimensionamento del pin del CR stesso, troppo lungo per poter adattarsi ad un Big Battery non telescopico. Infine l’attacco non perfettamente combaciante, è stato “guarnito” recuperando una vecchia ghiera del CR di un GGTS Nickelato limata ad Hoc. Ottenuti così tutti i componenti…

Image Hosted by ImageShack.us

Come ben sappiamo l’AVS considerando da molti un reperto storico, ha sempre avuto il difetto di esser stato realizzato in alluminio, materiale che per le parti interne di un tank, alla lunga, tende a rilasciare residui probabilmente poco salutari. Per questo motivo il suo utilizzo ha bisogno di ripetuti lavaggi od almeno tra una ricarica e l’altra.

Ma è anche vero che l’Automatic Vapn System ha precorso i tempi dando il via a quello che poi sarebbe diventato la sua evoluzione: l’UFS, uno dei sistemi d’alimentazione per eccellenza.

La piccola ghiera (purtroppo interna) in grado di regolare l’afflusso dell’eliquid, ne fa un oggetto che va senz’altro annoverato nella storia dei Vapers più smaliziati che acquista ancor più valore se adattato all’evoluzione del voltaggio variabile.

Ovviamente rimarremo sintonizzati sull’arrivo del nuovo adattatore, che dalle prime voci riguardo i modi della sua realizzazione, sarà l’autentica trasformazione per un utilizzo dell’UFS a 360°

Articoli molto simili

Lascia la tua opinione

Top